Alcune tra le migliori interviste concesse durante la mia carriera...



Francesca Lustrissimi: I MILLE LAVORI DI UNA DONNA IN CARRIERA, DA TOP MODEL A MANAGER.
La bellissima Francesca Lustrissimi. In esclusiva ci racconterà come in poco tempo è riuscita a cambiare la propria vita senza rinunciare a nulla.

   Intervista-di Andrea Simeone


1-Buongiorno Francesca, la sua vita è totalmente cambiata? Aveva iniziato ad intraprendere la carriera di attrice dopo un periodo lontano dalle passerelle e adesso cosa è successo per aver rivoltato la sua vita totalmente, ci racconti?
Buongiorno a lei, intanto vorrei dirle che per me è un grande onore essere intervistata da lei, e non posso fare altro che ringraziarla… Come sapete iniziai la carriera di indossatrice quando ero molto giovane, da Roma andai a vivere a Milano per integrarmi di più nella città della moda. Rimasi a Milano per molti anni, e all’età di 25 anni abbandonai le passerelle, lasciandoci metà del mio cuore, dal momento che per me era una passione sviscerata, era per me una magia ogni qual volta che dovevo salire su di una passerella, ed ogni volta era come se fosse la prima. Ero emozionata come una ragazzina alle prime armi, ricordo le gambe che tremavano, il cuore in gola.... Lasciai il mondo della moda per un’altro sogno o forse sarebbe meglio definirlo… che lasciai la moda per un miracolo, un dono, se mi consente, vorrei chiamarlo così, si, un dono dal cielo… … rimasi incinta di un angelo che ormai sta per compiere sei anni. Mentre facevo la mamma, sono riuscita a fare dei corsi di recitazione e dizione. Dopo diversi anni iniziai a muovere i primi passi e mi presero per un film per il cinema , ma ebbi un brutto incidente sciando e questo incidente mi bloccò a letto per molto tempo, dopo 4 interventi chirurgici e un trapianto… mi sono distrutta il ginocchio. (Piatto tibiale, quattro menischi ed il crociato anteriore destro, dove sono ricorsa al trapianto). Tutto quel tempo a letto mi ha fatto scoprire delle qualità che tenevo nascoste, è stata una cosa dolorosa e grave, ma quella qualità da me sconosciuta e che non sapevo di avere ed altre che credevo fossero degli hobby, soprattutto che avessero un fine a se stesso. Le racconto un aneddoto (un esempio) : “Stando sola ho riflettuto molto su me stessa , anche tornando indietro nel tempo e ricordando di avere un diario con delle poesie, le quali, alcune sono state messe nel mio sito ufficiale www.francescalustrissimi.com , ma in quel diario vi erano altre poesie scritte all’età dai nove, fino ai dodici anni. Dopo averlo letto e riletto, le cose scritte, decisi di buttare giù altre poesie erano diventate talmente tante che aggiunte a quelle di mia sorella Sharon, la quale scrive dall’età di 4 anni decidemmo di farne un libro che presto uscirà in libreria insieme ad un altro che sto terminando. In 3 mesi scrissi 3 sceneggiature, di cui una con l’aiuto finale della mia scrittrice preferita quale mia sorella Sharon.
2-Non sapevo di un’altra sorella di nome Sharon, sapevo di Erika ( nipote del grande ed intramontabile cantautore napoletano… “THE VOICE-MUROLO”?
Sharon è una mia amica, ma tutti sanno che è mia sorella, perché ci separa solo il cognome, ma credo, che dall’alto dei cieli abbiano fatto uno sbaglio, sia io per lei, che lei per me , siamo più che sorelle, il padre io l’ho chiamo papà Roberto, il quale è proprietario di uno dei più famosi ristoranti in Italia il “POGGIO ANTICO” si trova vicino Siena a Montalcino, ed invito quei pochi che non hanno avuto la fortuna di gustare dei piatti unici ed esclusivi, il tutto curato nei minimi particolari, senza tralasciare nulla, il tutto viene accompagnato da un atmosfera surreale immersa nel verde ed ogni portata viene accompagnata da vini prestigiosi e non solo.
3-Non mancherò sicuramente di gustarmi dei piatti ottimi accompagnati da vini esclusivi… al “POGGIO ANTICO”, ma continuiamo a parlare della sua vita … chiamiamola svolta di vita… se mi permette.
Iniziai a scrivere delle sceneggiature di lungometraggio per il cinema nazionale ed internazionale e oltre alle sceneggiature iniziai a scrivere dei libri e poesie. Nemmeno un mese fa è uscito un libro dell’Aletti editore dove con loro ho collaborato, sia con questo libro che con un’altro che uscirà prima d natale.
Adesso sono in attesa di pubblicare un libro che tratta due grossi problemi che colpiscono soprattutto i giovani… è un libro sull’anoressia e sulla depressione, altra grande malattia che una volta entrati nel tunnel, vi è molto difficile uscirne da soli.
Poi una mia autobiografia dal quale ho voluto trarne una sceneggiatura di lungometraggio per il cinema o televisione dal titolo: “LA VITA BUIA”.
Oltre queste cose ho scritto: “AMARSI COME NON MAI”, che narra la storia di due ragazzi che si conoscono nel mondo virtuale di Internet e che successivamente il destino gli riserverà delle cose bellissime… Questa sceneggiatura mi ha portato fortuna, perché mi è successa la stessa cosa… naturalmente in circostanze e luoghi diversi e soprattutto: lavori diversi,ma non è una cosa rara, sento spesso molti appassionati di Internet che si conoscono poi nella vita di tutti i giorni, la mia stessa manager, Patrizia Caldonazzo, ha avuto un bellissimo matrimonio, coronato da un bambino adorabile.
Passando alla mia terza sceneggiatura: è un thriller psicotico, angosciante, dal titolo : “KILLER INSECTS”.
Mi permetto di osare e quindi dire che se dovesse prendere piede potrei anche vincere l’Oscar.

4- Cara Francesca, diamoci del tu e lasciami dire che a nessuno potrebbe mai venire in mente che tu non abbia le idee chiare!! Sai, credo che ognuno di noi abbia le idee chiare, l’importante è non arrendersi e andare avanti con tanta umiltà e determinazione, perché di ostacoli c’è né sono tanti e bisogna non demordere, ma superarli, sapendo che, quasi sicuramente, alla fine riuscirai nel tuo intento e se non fosse così, molto meglio una delusione che un rimpianto. Nessuno ti regala nulla e sarebbe troppo facile prendere scorciatoie come fanno in molti, ma loro evidentemente hanno gli specchi di legno, al contrario io ci metterò molto di più, ma quando mi guardo allo specchio sono orgogliosa di come sono e di come mi hanno educato i miei genitori, con dei sani principi e valori.
5- Riesci a conciliare il tutto con tua figlia?
Basta sapersi organizzare nella vita, io ci sono riuscita, anche perché i miei mi hanno e mi continuano a dare una mano, poi ho la Tata di Carlotta che oltre ad essere brava gli vuole un gran bene, e la cosa è reciproca.
Ma tu ti sei fermato a 3 lavori, io ho un’agenzia di pubblicità a Roma e all’estero e sto valutando l’idea di aprire una terza agenzia, ma non si chiamerà: Lp2 Advertising o Communication, come queste che vantano un’esperienza di oltre 50anni, ma bensì: “Lp2 Production”.
Naturalmente questo è un mio progetto ancora da valutare attentamente, ma spero di esaudirlo come fosse un sogno… che poi l’ho è… … poi mio padre, essendo un Manager, ed avendo diverse società nazionali e Internazionali, per me non è facile gestire il mio lavoro ed il suo, ma ci provo. Per le società Nazionali “NO PROBLEM” , al contrario per quelle all’estero è ardua come cosa, perché ho una figlia che non mi permette di viaggiare tanto come mio padre.

6- Ma il tempo per dormire lo trovi?
Seriamente parlando riesco a trovarlo, dormo la media di tre ore a notte. Solo per questo motivo riesco a conciliare il tutto.
7- Riesci ad avere una vita privata?
Sicuramente ci riuscirei, il fatto è che manca la materia prima, cioè un uomo…
… scherzo, ma preferisco non parlare della mia vita privata.. ti dico che desideravo, come tutte le donne un uomo accanto, intelligente, da stimare e con cui mettermi in discussione, da cui imparare, un uomo che mi avesse fatto sentire protetta, che mi avesse fatto sentire la sua donna, amica, amante, con cui ridere……
Comunque speravo un giorno di trovarlo, ed il giorno tanto atteso finalmente è arrivato.

8- Sei sicuramente una donna che non avrà difficoltà nel far esaudire altri tuoi desideri?
Si, ma non sono una maga.. qualche ciambella uscirà anche senza buco… io spero di no, ma chi vivrà, vedrà.
9- Francesca un’ultima domanda e ti lascio alla tua bimba che vedo che si affaccia ogni tanto, perché giustamente reclama la sua mamma …..
… Allora che cosa vedi nel tuo futuro e cos’altro vorresti che accadesse nella tua vita?

Non voglio cose assurde, o tanto meno materiali. Vorrei ricredermi sulle persone e che mia figlia e i miei genitori vivano la vita con serenità e che godino di ottima salute.
10) Cara Francesca, abbiamo finito, per la felicità della tua bimba, che adesso potrà giocare con la sua mamma e spero di poterti fare un’altra intervista piacevole come questa, è stato davvero un bellissimo incontro.
Grazie mille, per me è stato un grande onore.

©Tutto il materiale del sito è coperto dai diritti d'autore